Segui Elbareport su:

Banner
Banner

Ancora motocross selvaggio nel Parco Nazionale

Scritto da Legambiente Domenica, 03 Marzo 2013 19:07

Un folto gruppo di escursionisti che partecipavano ad un’iniziativa sui sentieri di Cima del Monte, in pieno Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nella Zona di Protezione Speciale (Zps) Elba Orientale, che teoricamente dovrebbe essere protetta da una Direttiva dell’Unione europea e dalla legge 394/91 e da quella regionale, si sono trovati di fronte alla solita banda di motocrossisti che puntualmente ogni anno  devastano i sentieri del Parco Nazionale.

Già ieri ci era stata segnalata la presenza a Porto Azzurro di un gruppo di motociclisti con mezzi da enduro con spiccato accento del nord che erano molto preoccupati per la presenza sulle strade delle forze dell’ordine. Chi ci ha segnalato la cosa spiega che si tratta di «Moto da enduro, di due modelli diversi ma della stessa marca, KTM, appaiono in parte targate, in parte con micro-targa completamente abrasa o mascherata e quindi non leggibile, neppure a brevissima distanza».

E’  evidente che, come ogni anno, sono riprese le scorribande guidate ed a pagamento nei sentieri dell'Elba e del Parco e che anche quest’anno non si è fatto niente per fermare chi le organizza e pubblicizza. Anzi pare che ci sia una linea più morbida verso la presenza di moto nei sentieri del Parco e nelle Zps.

Il gruppo è naturalmente guidato da chi organizza da anni la presenza dei KTM all’Elba, fa base a Porto Azzurro e pubblica impunemente foto, filmati e reportage sui giornali specializzati che reclamizza attività di motocross non autorizzate all’interno del Parco Nazionale e lungo i suoi sentieri.  .

Legambiente già ieri ha invitato le istituzioni interessate e le Forze dell’Ordine ad un pronto intervento per fermare questi abusi che si verificano puntualmente ogni anno e dei quali si conoscono bene organizzatori, guide e “staffette”.

Crediamo sia giunta davvero l’ora che il Parco metta fine a tutto questo che danneggia per primi i motocrossisti elbani, con i quali siamo sempre stati convinti vada trovata un’intesa sui percorsi praticabili.

Tanto per capire di cosa si tratta, segnaliamo i video a questo indirizzo:

http://www.forumtriumphchepassione.com/forum/bonneville-thruxton-scrambler-speedmaster-america/209556-scrambler-contro-ktm-allisola-delba.html

Il motociclista ha voluto provare se reggeva il confronto con l'enduro vero. Su sentieri naturalmente.

Vota questo articolo
(4 Voti)

8 commenti

  • Link al commento Alessando Pagnotta Sabato, 16 Marzo 2013 15:10 inviato da Alessando Pagnotta

    Potrebbe essere una risorsa per tutti l'enduro all'Elba così come la MTB così come il FreeClimb come il Trekking...ad esempio ditemi perchè non si può trapanare una cote per facci le salite (parlo di FreeClimb) è tutto uno schifo stò parco, non ci sono aree dedicate e nemmeno legambiente pubblicizza il loro prodotto agli elbani stessi. Se offrissero qualche servizio non ci sarebbe tutto questo malcontento. Io non ho nessun problema a andare a fare enduro fuori dall'elba ALLORA PERCHé NON MI PAGANO LA NAVE?

    Rapporto
  • Link al commento Mattia Censi Mercoledì, 06 Marzo 2013 10:48 inviato da Mattia Censi

    Andrea: hai ragione e non mi sono espresso bene, volevo solo dire che gli Elbani (una minoranza per fortuna!) sono i primi a non rispettare il territorio e danneggiano chi viene qui e vuole rispettarlo (al contrario di quello che dice l'articolo).
    Ti parlo da appassionato e incavolato che questo parco e legambiente non vogliono far venire soldi all'elba ma solo prendersi comodamente i loro soldi sulle poltrone, con il risultato che il parco in realtà esiste solo sulle cartine geografiche.

    Rapporto
  • Link al commento Josef Mercoledì, 06 Marzo 2013 09:08 inviato da Josef

    La pratica del fuoristrada lungo le strade bianche carrabili a mio avviso non ha nulla di sbagliato

    Rapporto
  • Link al commento alessio Lunedì, 04 Marzo 2013 19:58 inviato da alessio

    poi dite che manca il turismo all'Elba e l'inverno piangete tutti.......

    Rapporto
  • Link al commento andrea Lunedì, 04 Marzo 2013 19:42 inviato da andrea

    Mattia,ora come lo scrivi te sembra che siano solo gli elbani a fare i furbi con le moto.
    Purtroppo e vero che ci sono 3 o 4 persone che portano in giro questi gruppi di appassionati a pagamento e non mi riferisco al signore dei ktm!
    So che il motoclub isola d'elba si sta organizzando per portare in giro questa gente dove è permesso e soprattutto GRATIS cercando così di eliminare questo fenomeno. ripeto gratis e non a scopo di lucro come fa qualche furbetto.
    Quindi per favore quando scrivi elbani specifica bene che si tratta di qualche elemento,non fare di tutta l'erba un fascio perchè la situazione è già abbastanza delicata.

    Rapporto
  • Link al commento ANDREA Lunedì, 04 Marzo 2013 18:43 inviato da ANDREA

    vandalo non è chi va in moto,il vandalo è chi lascia sporco per i sentieri ,che butta lavatrici,televisioni e schifezze di ogni tipo,io sono un motociclista e girando per le strade di quest'isola trovo di tutto,addirittura l'ultima che ho visto è clamorosa,una roulotte piena di spazzatura(logicamente senza targa)trascinata non oso pensare come e abbandonata su una pista forestale in zona parco.
    Queste cose legambiente non le dice ma appena c'è da accanirsi contro le moto è sempre in prima linea e non è affatto vero che sta cercando un accordo con i motociclisti elbani per capire quali sono le zone dove si può fare il nostro sport,anzi non ci prende proprio in considerazione.
    Sull'isola c'è posto per tutte le attività basterebbe stabilire delle zone apposite,ma per loro sembra che le moto devono proprio sparire,noi potremmo essere molto utili al parco segnalando incendi,escursionisti in difficoltà,discariche abusive in quanto si riesce a coprire molto territorio.
    Secondo me si potrebbe convivere tutti senza problemi,anche a me piace piace camminare nei sentieri e non m'infastidisce se trovo qualche moto o viceversa.NON SIAMO DEI DELINQUENTI COME CI DESCRIVETE.

    Rapporto
  • Link al commento Mattia Censi Lunedì, 04 Marzo 2013 15:09 inviato da Mattia Censi

    Vorrei scrivervi che stavolta siete voi che sbagliate, prima di tutto i video sono tutti corretti, sono tutte strade bianche percorribili con qualsiasi mezzo, l'unico sentiero ripreso in un video non è all'interno del parco (sul Buraccio accanto alla discarica) ed è quindi percorribile da tutti.
    Questa gente porta soldi all'Isola d'Elba, riempie alberghi a Febbraio e Marzo e fa lavorare Bar e Ristoranti.
    La gente che è stata vista e segnalata sui sentieri del parco questo fine settimana non ha niente a che fare con "chi organizza da anni la presenza dei KTM all’Elba" Erano semplicemente gente che si era organizzata tramite dei Forum e guidata ELBANI che sono i primi ad andare dove vogliono e fare ciò che vogliono senza regole.
    Se le associazioni non hanno ancora capito chiedano di fare un giro insieme a questi "mascalzoni vandali e Selvaggi" e vedranno che è gente che viene a divertirsi, in sentieri e strade dove è consentito, e spendere soldi all'Elba (FUORI STAGIONE!!!!)
    Abbiate più criterio quando scrivete un articolo, avete dato notizie false e soprattutto scritto tante incorrettezze.
    Mattia Censi

    Rapporto
  • Link al commento Assunta Lunedì, 04 Marzo 2013 07:53 inviato da Assunta

    Vandali.

    Rapporto

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner
Banner
Banner

Ricerca nel sito

Banner

Ricerca per data in Scienza-Ambiente

« Ottobre 2014 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Le più lette di Scienza-Ambiente

Segui Elbareport sui Socials

Elbareport su FacebookElbareport su Twitter
Elbareport su YoutubeElbareport su Flickr

I nostri feeds RSS

I feeds Rss di Elbareport

L'archivio storico

archivio storico