Stampa questa pagina

Truffa ai danni del Parco per la cattura dei cinghiali, l'azienda fiorentina patteggia la condanna

Scritto da  PNAT Martedì, 04 Gennaio 2022 13:05

 

Con sentenza del Tribunale di Livorno del 9 dicembre scorso, il titolare dell’azienda agricola fiorentina che aveva stipulato un contratto con l’Ente Parco Nazionale Arcipelago Toscano per la cattura di cinghiali e mufloni mediante trappole dislocate sul territorio elbano nel periodo febbraio-aprile 2018, è stato condannato alla pena di un anno di reclusione ed € 2.000,00 di multa con il beneficio della sospensione condizionale della pena, in applicazione del così detto “patteggiamento” richiesto dalle parti, per i reati di truffa ai danni di un Ente pubblico, frode nelle pubbliche forniture e detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura.

 

“Ancora una volta ringrazio il Reparto Carabinieri Parco – ha affermato il Presidente Giampiero Sammuri – per l’ottimo lavoro investigativo svolto che, in questo specifico caso, ha consentito di accertare e rinviare a giudizio chi aveva truffato l’Ente Parco. A distanza di tre anni e mezzo circa la giustizia ha fatto il suo corso e il colpevole è stato condannato.”

Vota questo articolo
(15 Voti)
Ultima modifica il Martedì, 04 Gennaio 2022 14:03