Stampa questa pagina

10 minuti sott’acqua per il cambiamento climatico: all’Elba il progetto Climate Change Days coinvolge i diver nella ricerca scientifica

Scritto da  Visit Elba Lunedì, 16 Maggio 2022 08:13

Di fronte ai grandi cambiamenti ambientali, i contributi dei singoli possono sembrare solo gocce nel mare: eppure, senza di esse, anche l’oceano sarebbe più piccolo. Questo è il messaggio chiave della “Citizen Science”, attività scientifica che può essere compiuta da persone comuni, per aiutare i ricercatori: il contributo di tutti conta e può portare a risultati fondamentali, goccia dopo goccia. E proprio le distese blu sono al centro dell’iniziativa di scienza collaborativa del “Climate Change Days Tour”, organizzata da DAN Europe (associazione dedicata alla sicurezza delle immersioni) e PADI (la principale organizzazione di didattica alla subacquea), all’interno del più ampio progetto europeo Marine Protected Areas ENGAGE, che studia gli effetti dei cambiamenti climatici sul Mediterraneo.

 

Giunto alla terza e ultima edizione, mercoledì 8 giugno, in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani, il Climate Change Days Tour farà tappa all’Elba, chiamando a raccolta diver da tutta Europa che si immergeranno nelle acque dell’isola. DAN Europe e PADI coinvolgeranno gli oltre 30 diving center europei e i circa 150 istruttori formati in questi anni, mobilitando anche diver ricreativi in un’azione di scienza collaborativa.

 

Ai sub sarà richiesto di donare alla ricerca dieci minuti della loro immersione, per analizzare la fauna marina di due transetti (percorsi subacquei di raccolta dati di 50m di lunghezza e 5m di larghezza, da percorrere in 5 minuti), contando i pesci di determinate specie e segnando i dati su una lavagnetta impermeabile data in dotazione ai partecipanti. I risultati delle osservazioni subacquee verranno successivamente caricati sulla mappa condivisa della piattaforma open source Observadores del Mar, specificando il punto di immersione.

 

BASIC RESEARCH OPERATOR (2)

 

L’evento avrà come base operativa e punto di partenza la spiaggia di Morcone, vicina al centro di Capoliveri. Sono chiamati a partecipare tutti i subacquei dai 10 anni in su con un brevetto di primo livello e tutti gli snorkelisti (su transetti a basse profondità), unendo alla propria passione per le immersioni la possibilità di acquisire delle competenze di raccolta dati secondo protocolli specifici, che permetteranno di migliorare la conoscenza collettiva di un ecosistema prezioso ma fragile come quello marino. E dopo la raccolta l’analisi scientifica, per poter studiare e implementare possibili soluzioni per mitigare gli effetti delle variazioni climatiche e dell’impoverimento della biodiversità marina.

 

Non è un caso se l’evento finale di questa virtuosa iniziativa si terrà nelle acque della Perla del Tirreno: grazie al clima mite tutto l’anno e alle correnti ricche di nutrienti che favoriscono una rigogliosa fauna marina, l’Elba è da sempre una meta molto amata dagli appassionati di sport acquatici, tra cui il diving. Lungo la costa si trovano oltre 40 punti di immersione, per tutti i livelli e per tutti i gusti, dalla Zona a Tutela Biologica dello Scoglietto di Portoferraio, dove si può nuotare in mezzo a cernie, nuvole di corvine, dentici e orate rimanendo entro i 15 metri, alle profondità della Secca del Careno, davanti a Sant’Andrea, dove non è difficile scovare qualche barracuda tra vivaci gorgogne rosse. Una biodiversità da preservare e valorizzare, come ricordano il progetto Climate Change Days Tour e le numerose altre iniziative green organizzate sull’isola, vero e proprio paradiso della sostenibilità.

 

Isola d'Elba ©R.Ridi (3)

Vota questo articolo
(7 Voti)
Ultima modifica il Lunedì, 16 Maggio 2022 08:39