Stampa questa pagina

Cinghiali e mufloni che spadroneggiano nelle notti elbane

Scritto da  Alma Ravasio Mercoledì, 12 Gennaio 2022 09:12

La presenza di un numero abnorme di ungulati nel territorio del Comune di Marciana non rappresenta solo un problema di carattere ambientale e igienico, ma anche quello della sicurezza stradale e personale.

 

Già col calare della sera i cortili, i giardini e soprattutto le strade diventano territorio di questi animali. In caso di incidenti, infortuni e/o danneggiamenti provocati, le Istituzioni si riparano dietro un continuo rimpallo di responsabilità e i cartelli stradali che segnalano la presenza di animali selvaggi le tutela dai risarcimenti.

 

È inaudito che bisogni viaggiare con la continua paura di incorrere in incidenti con mufloni e cinghiali che provocano smottamenti aggravando il dissesto territoriale che caratterizza la zona, con le strade teatro continuo di piccole o grandi frane.

 

Personalmente tutte le notti percorro quei 4 km da Sant’Andrea a Colle d’Orano non più con la paura, ma col terrore, dopo che un muflone, su una strada comunale, è letteralmente saltato sulla macchina a mio marito sfondando il parabrezza e rigando il cofano e il tettuccio, danno non ancora risarcito in quanto l’Ente Parco non si ritiene responsabile e il Comune finora non è intervenuto. Diversi sono stati, purtroppo gli incidenti sia di autovetture che di ciclomotori e moto con mufloni e cinghiali, anche con feriti che sono dovuti ricorrere alle cure mediche.

 

Branchi di mufloni e cinghiali, colonie di ratti e di topi, hanno reso una parte fiorente dell'Isola, dove fino a pochi decenni fa regnavano i muretti a secco, le vigne, gli orti e i giardini, orgoglio dei proprietari, in devastazione, dalle cime dei monti fino al mare. Ovunque c’è l’impossibilità di coltivare senza recinzioni alte fino a 2 metri (opere di protezione che necessitano di continui interventi per le forzature degli animali), stanno scomparendo specie vegetali tipiche della macchia mediterranea, i miceti e i muretti a secco, realizzati dai nonni e dai padri con il loro duro lavoro per permettere la coltivazione e proteggere il terreno dagli smottamenti.

 

I boschi, che hanno preso il posto delle colture, sono ormai una distesa di buche profonde e alberi caduti per colpa “loro” e della conseguente incuria: aree impraticabili che rappresentano un vero pericolo in caso di forti precipitazioni atmosferiche.

 

Tanti sentieri sono difficili da percorrere e necessitano di continui interventi da parte dei volontari e alcuni addirittura impraticabili o chiusi poiché non monitorati.

 

Allora la domanda sorge spontanea: finora il Parco e le Istituzioni preposte a tutela ambientale cosa hanno fatto e cosa hanno intenzione di fare a riguardo del problema degli ungulati?

 

Gli animali vanno amati e protetti, ma se diventano un pericolo e arrecano danni devono essere presi provvedimenti.

 

Si necessita di interventi in tempi rapidi in modo incisivo, queste bestie devono essere eradicate se non ci fosse altra soluzione definitiva.

 

Alma Ravasio

 

Vota questo articolo
(38 Voti)
Ultima modifica il Mercoledì, 12 Gennaio 2022 09:43

4 commenti